Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

“Non dobbiamo prepararci solo a ciò che possiamo prevedere, ma anche a ciò che non è prevedibile“.

Archivio per Incendio

Lavori a caldo e incidenti prevedibili

Quante volte l’abbiamo sentito ripetere (ne parlai anche in un mio recente post) da assicuratori, periti e colleghi che i lavori a caldo o con l’uso di fiamme sono molto pericolosi per il rischio da incendio?

Tante, eppure ancora una volta dobbiamo leggere di un furioso incendio scoppiato in un’azienda meccanica del settore orafo a Fellette di Romano d’Ezzelino (Vicenza), dove alcuni addetti di una ditta esterna stavano eseguendo delle saldature sui camini con l’utilizzo di cannelli. Il fuoco si è propagato velocemente molto probabilmente attraverso la guaina, intaccando il tetto e una quindicina di pannelli fotovoltaici, una parte dei quali sono andati completamente distrutti. Tre i feriti, non gravi, tra le quali un dipendente della ditta vicentina. I vigili del fuoco da Bassano del Grappa e da Vicenza, hanno lavorato oltre due ore per spegnere il rogo: l’acqua penetrata all’interno ha danneggiato numerosi macchinari.

Se si è verificato un tale evento significa che qualcosa è stato sottovalutato: ricordiamoci che gli incidenti non sono mai frutto del caso.

Devo dire, e nessuno si offenda, che spesso le aziende che eseguono tali lavori hanno una scarsa cultura della prevenzione, gli operai (molte volte immigrati) sono poco formati, tutti elementi da tenere in considerazione quando si affidano lavori in appalto. D’altronde anche il D.Lgs 81/2008 – Testo Unico sulla sicurezza, all’articolo 26 pone in capo al Committente una responsabilità nella scelta delle imprese appaltatrici, dove la differenza non può farla il prezzo che si paga per il lavoro affidato.

Ma ciò che dobbiamo avere chiaro per la gestione dei rischi è chiederci sempre cosa potrebbe accadere, “What if“, cosa potrebbe andare storto, immaginare degli scenari e cercare di attrezzarci per evitare l’evento, molte volte prevedibile, e del quale tante volte, dicevo, abbiamo sentito parlare da persone esperte che di questo tipo di sinistri ne hanno visti tanti e, nonostante tutto, continuano ad accadere.

E a te è mai capitato di gestire tali situazioni o di trovarti coinvolto in un sinistro simile?

Lavori a caldo: incendio alla Marzotto filati

Da “Il Gazzettino“ online di ieri leggo che un incendio ha interessato nel pomeriggio del 24 novembre uno dei capannoni della Marzotto Filati a Fossalta di Portogruaro (Venezia). Le fiamme, che hanno sprigionato moltissimo fumo, erano circoscritte ad una tubatura che “risucchia” gli scarti della filatura. L’area è stata evacuata e le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco in meno di un’ora. Da un primo esame pare che l’incendio si sia sviluppato in una zona dove due operai stavano lavorando con la fiamma ossidrica. Una scintilla avrebbe attecchito polveri di lino, da cui poi si sarebbero sprigionate le fiamme. Nel capannone erano in corso lavori di ripristino e l’attività era quindi ferma. I danni ammontano a qualche centinaio di migliaia di euro.

Ancora una volta, quindi, pare che la causa del sinistro sia da attribuire all’inosservanza del rispetto delle regole per i lavori a caldo all’interno dei reparti, un aspetto troppo spesso trascurato sia dall’azienda committente che dalle imprese esterne chiamate ad eseguire i lavori le quali poi, non sono spesso nemmeno adeguatamente assicurate per questo tipo di responsabilità, mentre la verifica delle coperture assicurative (aspetto di Risk Management per il committente) dovrebbe essere sempre inserita nei contratti per i lavori in appalto, ma anche qui c’è ancora molto da fare!

Convegno dell’Associazione Italiana Ingegneria Antincendio

sprinkler-headRicevo dal collega risk manager Maurizio Micale l’informazione che pubblico molto volentieri che, nei prossimi giorni, si terrà il 12° convegno nazionale dell’Associazione Italiana Ingegneria Antincendio (A.I.I.A.), sezione italiana della Society of Fire Protection Engineers dal titolo:

SISTEMI GESTIONE SICUREZZA ANTINCENDIO

Il convegno è organizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano – Dipartimento di Energia e A.I.A.S. e si terrà presso l’Auditorium del Politecnico di Milano in Via Pascoli n. 53, il giorno 29 Ottobre 2009.

Il programma del convegno, con i dettagli della giornata, e la scheda di partecipazione sono disponibili sul sito dell’A.I.I.A. all’indirizzo www.aiia-sfpe.org

Per ogni ulteriore dettaglio è possibile contattare la segreteria A.I.I.A. presso Hughes Associates Europe ai numeri sotto riportati.

Tecniche di Loss prevention: l’inertizzazione

sprinkler-head

Da questa pregevole pubblicazione di Munich Re leggo di un nuovo metodo per prevenire gli incendi e le esplosioni, quello dell’inertizzazione permanente, mediante la riduzione dell’ossigeno presente nell’aria dal 21% al 14-15%. È una tecnologia che, a certe condizioni, rappresenta una valida alternativa agli impianti di estinzione convenzionali, offre svariate possibilità di applicazione, e rispetto agli impianti di estinzione tradizionali ha un vantaggio decisivo: rende impossibile la combustione con fiamma e, quindi, previene anche i danni conseguenziali causati dalle sostanze estinguenti e dai prodotti della combustione.

Alcune possibili applicazioni di questa tecnica nei settori di attività che più mi interessano, sono:

Magazzini e depositi
I magazzini automatizzati o quelli in cui il personale vi permane raramente sono i più adatti all’installazione di impianti di inertizzazione permanente. In queste categorie rientrano ad esempio i magazzini di alimentari, i magazzini di merci pericolose e quelli a scaffalature verticali. Gli impianti di estinzione convenzionali non sono sempre facili da installare a causa delle notevoli dimensioni dei magazzini e non assicurano una protezione ottimale delle merci sensibili. L’inertizzazione permette di ridurre anche il danno conseguenziale provocato dal fumo, che può rendere inutilizzabile l’intero contenuto del magazzino.

Centri di elaborazione dati
Non di rado un piccolo incendio è sufficiente a mettere fuori servizio un intero sistema informatico. Un impianto di inertizzazione permanente consente di mitigare questo rischio. La permanenza di personale in atmosfera sottoossigenata per brevi periodi, p. es. per lavori di manutenzione, non comporta pericoli per la salute.

Il resto lo potrai leggere scaricando o solo visualizzando la pubblicazione di Munich Re.

Hai esperienze o suggerimenti sul tema delle quali vorresti parlarne?

A fuoco uno stabilimento alimentare in Friuli

Da un’ANSA di questa mattina (ieri per chi legge il 24 novembre), apprendo che un incendio e’ divampato per cause imprecisate la scorsa notte nello stabilimento della Quality Food (ex Delser) a Martignacco (Udine).
Il fuoco – da quanto si e’ saputo – ha interessato gran parte dello stabilimento e ha danneggiato parte della copertura di un capannone. Sul posto stanno tuttora lavorando una decina di squadre dei vigili del fuoco di Udine e San Daniele del Friuli, per lo spegnimento degli ultimi focolai e le verifiche tecniche sulle cause dell’incendio.

Aggiornerò questo post non appena in possesso di ulteriori notizie.

Aggiornamento 1: da ulteriori notizie pare che l’incendio sia stato aggravato dal poliuretano espanso utilizzato come coibente nei pannelli sandwich (tipo quello in figura) che componevano le pareti del capannone andato a fuoco.pannelli_sandwich

Aggiornamento 2: stando a una prima valutazione, il fuoco si è sviluppato nella zona dove vengono ammassati gli scarti di produzione, che poi vengono destinati alla zootecnia: sostanzialmente avanzi di farine e impasti che finiscono per diventare mangimi per animali. Nel 2000 un analogo incendio, sviluppatosi proprio nella stessa zona degli scarti per una sorta di autocombustione, distrusse una parte dell’azienda. I tecnici valuteranno tutte le ipotesi, comprese quelle di un possibile mozzicone lasciato cadere accidentalmente tra gli scarti o di uno straccio imbevuto d’olio (usato per la pulizia dei macchinari) e anch’esso gettato involontariamente tra gli scarti.

TyssenKrupp: passa la tesi del dolo eventuale!

 

Sentenza

Dell’ipotesi che nell’assicurazione di responsabilità civile o contro gli incendi, si potrebbe configurare come dolo eventuale il prolungato mancato apprestamento da parte del datore di lavoro delle prescritte misure di prevenzione antinfortunistica o di prevenzione antincendio ne avevo già scritto in questo post, ma oggi con la  sentenza di rinvio a giudizio per i morti nell’incendio della Thyssen tale ipotesi diventa realtà.

L’ad della Tyssen, Espenhahn, si legge nell’ordinanza di rinvio a giudizio scritta dal gup Gianfrotta, si è “rappresentato la concreta possibilità del verificarsi di infortuni anche mortali sulla linea Apl5″ dello stabilimento di Torino, e ha “accettato il rischio“.

Espenhahn – nonostante fosse a conoscenza dei problemi – “prendeva dapprima la decisione di posticipare dal 2006/2007 al 2007/2008 gli investimenti antincendio per lo stabilimento di Torino pur avendone già programmata la chiusura”, e poi “la decisione di posticipare l’investimento per l’adeguamento della linea 5 (raccomandata dall’assicurazione, dai vigili del fuoco e da un organo aziendale, il Wgs, ndr) ad epoca successiva al suo trasferimento da Torino a Terni”.

Se questa tendenza rimarrà confermata, credo che questa sentenza rappresenterà un nuovo spartiacque nella politica di gestione dei rischi e, in particolare, della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Chi vuole dire qualche cosa al riguardo?

PS: ecco un argomento di confronto tra risk manager.

Incendio all’Obi di Piacenza

La gente era ancora nel negozio quando si è sviluppato l’incendio che si è allargato molto velocemente a tutta la struttura. Nessun ferito. Veramente ingenti i danni: sarebbero almeno 3 milioni di euro

Vodpod videos no longer available.

Incendio all’Obi di Piacenza“, posted with vodpod
Questo video è tratto dal sito Youreporter.it, il sito italiano di citizen-journalism, o giornalismo partecipativo e che mi risulta sia il primo di questo genere in Italia. I filmati, le foto e le notizie vengono inviate direttamente dai cittadini senza ‘filtri’ editoriali.

Verifiche post vacanze: rischio incendio

Dopo i recenti casi di incendio che si sono verificati in Italia (vedi anche alcuni dei miei post precedenti sul tema), al rientro in Azienda, prova a verificare se:

  • i valori della polizza incendio sono adeguati;
  • le franchigie sono adeguate alla capacità di ritenzione del rischio;
  • i sistemi di controllo fisico del rischio sono controllati periodicamente.

Convoca, poi, 5 persone che ricoprano cinque posizioni diverse, che abbiano diverse età, che abbiano diverse anzianità di servizio, che siano affidabili e, a bruciapelo, fai la seguente domanda: “In cinque punti e in due minuti di tempo, scrivete le prime cose che devono essere fatte dopo che avete sentito suonare la sirena dell’incendio“.

Potresti scoprirne delle belle.

Mancati apprestamenti di sicurezza e dolo eventuale

Domanda: il prolungato mancato apprestamento da parte del datore di lavoro delle prescritte misure di prevenzione antinfortunistica o di prevenzione antincendio, può configurasi come dolo eventuale nell’assicurazione di responsabilità civile o contro gli incendi?

Il caso della ThyssenKrupp di Torino ha portato alla ribalta il dolo eventuale. Ma quando si ha dolo eventuale e qual è il confine con la colpa cosciente o con previsione?

Innanzitutto vediamo cosa si intende per dolo eventuale: “Sussiste il dolo eventuale quando l’agente, ponendo in essere una condotta diretta ad altri scopi, si rappresenta la concreta possibilità del verificarsi di ulteriori conseguenze della propria azione e, nonostante ciò, agisce accettando il rischio di cagionarle; quando invece l’ulteriore accadimento si presenta all’agente come probabile, non si può ritenere che egli, agendo, si sia limitato ad accettare il rischio dell’evento, bensì che, accettando l’evento, lo abbia voluto, sicché in tale ipotesi l’elemento psicologico si configura nella forma di dolo diretto e non in quella di dolo eventuale”. (fonte: Cassazione penale, sez. un., 14 febbraio 1996, n. 3571).

Alle volte mi sono imbattuto in polizze Incendio rischi industriali nelle quali vi era una clausola che vincolava l’operatività della polizza alla condizione che l’azienda assicurata fosse in possesso del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI), la mancanza del quale consentiva all’assicuratore di respingere il sinistro in tutto o in parte. In questo caso, la soluzione era quella di eliminare detta clausola, ma era sufficiente per stare tranquilli? Se l’azienda, per motivi di programmazione interna e di budget, decide scientemente di ridurre la manutenzione delle proprie attrezzature antincendio o del proprio impianto antincendio, anche se la polizza non prevede clausole oppure obblighi da osservare in tema di prevenzione incendi, come si comporterà l’assicuratore nel caso di un incendio? Potrebbe respingere il sinistro richiamandosi al dolo eventuale?

Sul versante della Responsabilità Civile, invece, se il datore di lavoro magari sempre per programmazione di budget non ottempera alle misure di sicurezza atte ad evitare o a diminuire le occasioni di danno per i lavoratori (pur conoscendo i pericoli e i rischi conseguenti), come si comporterà l’assicuratore nel caso di un infortunio sul lavoro o di malattia professionale?

Una risposta precisa non ce l’ho e mi piacerebbe sapere cosa ne pensi, così come mi piacerebbe che l’associazione di cui sono socio, l’ANRA, avviasse, con i soci risk manager, un dibattito su questi temi che sono assolutamente prioritari nell’ambito di una corretta politica di gestione dei rischi!

Incendio alla raffineria Iplom di Genova

Un violento incendio è scoppiato alla raffineria Iplom di Genova Busalla. Dai primi rilievi dei vigili del fuoco del capoluogo ligure sembra che a bruciare siano stati dei serbatoi di gasolio, per cause ancora tutte da chiarire. Dopo un paio di ore, il rogo è stato messo sotto controllo.

FIAMME DI 30 METRI – Per circa trenta minuti l’incendio è stato visibile anche a distanza, seguito da una colonna di fumo nero. Alcuni testimoni riferiscono di fiamme alte circa trenta metri. Nelle abitazioni circostanti è scattata l’evacuazione e circa duecento cinquanta persone hanno lasciato le proprie abitazioni per timore di esplosioni.

A7 CHIUSA – A causa del rogo, l’autostrada A7 Genova – Milano è stata chiusa per qualche ora dalla polizia stradale (guarda la webcam A7-Busalla) in quanto il tracciato, sia Sud che Nord, corre vicino alla raffineria. Anche la vecchia linea ferroviaria Genova-Milano è stata chiusa al traffico. Nella stessa raffineria un altro incendio era scoppiato nel settembre 2005 causando panico ed evacuazioni nella zona.

(fonte corriere.it)

Anche in questo caso sarebbe interessante sapere se sono stati valutati i rischi di interruzione del traffico sia sull’autostrada che sulla ferrovia.
E poi, perché le abitazioni sono così vicine alla raffineria? Chi è nato prima? La raffineria oppure le abitazioni? Non lo so, Qello che so, invece, è che troppo spesso si è urbanizzato dove non si sarebbe dovuto senza un serio piano urbanistico che non avrebbe mai messo un’acciaieria vicino ad un panificio o ad un asilo nido. C’è qualcosa che non va. Tu che dici?

Incendio alla Peroni di Bari: lezione di risk management

“Incendio alla Peroni di Bari (qui un link al video) dopo che un silos di stoccaggio ha improvvisamente preso fuoco, pare nel corso di lavori di manutenzione dove sarebbe stata usata una fiamma ossidrica. Rapidamente sei silos sui ventisette presenti nella fabbrica hanno preso fuoco in rapida successione, dando luogo ad esplosioni che sono state avvertite in tutta la zona a nord della città. Tutta la zona resta ora transennata mentre dal Comune si fa appello agli abitanti perché restino in casa a finestre chiuse“. (fonte Corriere.it)

Guardando il fumo che dalla Peroni viene sospinto verso la strada, mi viene in mente uno dei casi di studio dell’azienda che si trova in posizione limitrofa a strade o ferrovie: qualcuno, alla Peroni, avrà identificato e valutato simili rischi come quello di dover bloccare la strada (e il traffico) per motivi di sicurezza? E la strada, poi, è a prevalenza di traffico privato oppure commerciale?

Infine, se l’incendio (come pare) è stato causato da una fiamma ossidrica durante i lavori di manutenzione, come risk manager mi chiedo almeno:
1. gli addetti alla manutenzione erano dei dipendenti o degli appaltatori esterni?
2. erano stati valutati i rischi per quel tipo di lavoro?
3. era stato predisposto un “Permesso di fuoco“?

E tu, che dici?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: