Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Archivio per FM Global

Supply Chain: the Resilience Index by FM Global

hdr-resilience-desktop(immagine da FM Global)

Grazie ad Ernesto Cagliero di FM Global, sono venuto a conoscenza di The Resilience Index.

Si tratta di uno strumento che “misura“ il livello di Resilienza di business di 130 paesi ed è stato progettato per aiutare i dirigenti a valutare e gestire il rischio della catena di distribuzione (Supply chain).

Nove fattori chiave del rischio sono raggruppati in tre categorie:

Economic Factor:

  • GDP per capita
  • Political risk
  • Oil intensity

Risk Quality Factor:

  • Exposure to natural hazard
  • Quality of natural hazard risk management
  • Quality of fire risk management

Supply Chain Factor:

  • Control of corruption
  • Infrastructure
  • Local supplier quality

Questi si combinano per formare l’indice composito. I punteggi si formano su una scala da 0 a 100, con 0 che rappresenta la resilienza minima, 100 la massima. Potete utilizzare la simulazione on line e cliccare su ogni paese della mappa, oppure andare ad estrarre i dati complessivi in una tabella dove trovate tutti i paesi.

Ditemi se non vi pare uno strumento assolutamente utile ed estremamente “usabile“.

Annunci

Non ripetere gli errori

Grazie ad un suggerimento dell’ing. E. Spina di FM Global, ho scaricato l’applicazione gratuita per l’iPad, “Risk Essential“, dalla quale è poi possibile scaricare l’FM Global’s REASON Magazine: dando un’occhiata al magazine mi sono imbattuto in questo pensiero che voglio condividere con voi e sapere cosa ne pensate anche in riferimento a quanto sta accadendo in Italia e mi riferisco al terremoto che ha colpito la regione dell’Emilia, ai cui abitanti delle zone coinvolte non può che andare tutta la mia solidarietà (ricordo molto bene il sisma che colpì il mio Friuli nel maggio ’76).

“It would appear that risk management has not been relegated to the future, but is perceived as something very much on the agenda today. And of course, this must be the case, otherwise how will we avoid repeating the same failures in the future?

-Val Jonas, Risk Decisions CEO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: