Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Archivio per anra

Assorim – Associazione Risk e Insurance Managers italiani

Con questo “caldo“ articolo post-ferragostano, voglio parlarvi di una nuova associazione di risk manager, Assorim, Associazione Risk & Insurance Managers italiani – fondata nel 2010 dal collega risk manager consulente Filippo Bonazzi di Ferrara, con il quale ho anche condiviso parte di un percorso in ANRA. Oltre al sito, Assorim ha un blog e pubblica un periodico “Il Risico“ che in rete si può trovare (tutti i numeri pubblicati fino ad ora) e scaricare da qui.

Siccome sono convinto che la nascita di un’ulteriore associazione di risk manager, dopo ANRA  (la principale associazione di categoria) e ARIMAS (che però si pone più come associazione culturale che di categoria) sia sempre da salutare con soddisfazione, ne parlo cercando nel contempo di capire il motivo per il quale ciò accade.

Innanzitutto, da un’associazione che nasce in piena epoca digitale ci si attenderebbe una vocazione “social“ (intendo un account su Twitter per comunicare in modo veloce, su Flickr o su YouTube per caricare foto e filmati di eventi, su Facebook o su LinkedIn), ma per ora tutto questo non c’è, anche se confido che in breve tempo Assorim saprà colmare presto queste lacune.

Dal punto di vista più istituzionale, invece, l’aspetto che ancora non emerge è che, a parte il presidente e il vice presidente, non si conosce da chi siano composti gli altri organi di Assorim e quindi quale sia la sua struttura perciò, a distanza di un anno dalla fondazione, non è ben chiara l’organizzazione e, dunque, la capacità di penetrazione di Assorim nel mercato italiano, sempre che questa sia una vocazione dell’associazione. Stando allo Statuto sociale, l’associazione punta a “sviluppare e mantenere relazioni con altre associazioni, con gli organismi istituzionali, con enti ed autorità di controllo, con il mondo accademico universitario; instaurare rapporti di collaborazione con la stampa finalizzati al perseguimento degli obiettivi statutari“, ma su questo versante Assorim mi pare non si sia ancora “aperta“ e questo, a mio avviso, le preclude di essere conosciuta ai più, unico modo per poter aggregare le persone. Anche la parte della Formazione appare ancora vuota con un calendario dove non appaiono appuntamenti futuri organizzati e gestiti in toto dall’associazione.

Mi auguro, poi, che Assorim sappia diventare più partecipativa pubblicando contributi a firma di altri e anche intervenendo a dibattiti oppure ospitandone nei suoi spazi in rete, facendo comprendere quali sono le sue peculiarità e le sue differenze e perché qualcuno dovrebbe aderire a questa associazione piuttosto che ad altre o perché no, ad entrambe magari.

In ogni caso, se c’è una cosa che mi dispiace profondamente è che i risk manager, siano essi dipendenti oppure consulenti, non riescano a ritrovarsi sotto un unico tetto dove confrontarsi, scambiare buone prassi, crescere, e far crescere la professione del Risk management già così poco conosciuta e frammentino la loro presenza in diverse associazioni, ma qui anche ANRA dovrebbe fare la sua parte, magari partendo da un’analisi del motivo per cui alcuni risk manager si sono allontanati da essa ed effettuando poi un monitoraggio dei risk manager esistenti in Italia e dei luoghi nei quali questi si ritrovano.

Comunque, date un’occhiata anche voi ad Assorim e poi magari ne parliamo (sapete che il vostro punto di vista mi interessa più che mai). A presto.

PS: in questo periodo di tempo meteorologico, prestate più che mai attenzione ai Lavori a caldo! 😉

Annunci

Gestione del rischio: pubblicata la UNI ISO 31000:2010

Stampa
gestione_rischio 

L’introduzione alla nuova norma UNI ISO 31000:2010 riporta: “Le organizzazioni di tutti i tipi e dimensioni si trovano ad affrontare fattori ed influenze interni ed esterni che rendono incerto il raggiungimento dei propri obiettivi. Il rischio è l’effetto che questa incertezza ha sugli obiettivi dell’organizzazione.”

Tutte le attività di un’organizzazione comportano dei rischi: la loro gestione può essere applicata in qualsiasi momento a un’intera organizzazione, alle sue numerose aree e livelli, così come alle specifiche funzioni, progetti e attività. Applicabile a qualunque tipo di rischio, la UNI ISO 31000 “Gestione del rischio – Principi e linee guida” può essere utilizzata da imprese pubbliche, private o sociali, associazioni, gruppi o individui e, pertanto, non è specifica per alcuna industria o settore. Per far sì che la gestione del rischio sia efficace, un’organizzazione dovrebbe, a tutti i livelli, seguire gli 11 principi riportati nella norma; il successo della gestione del rischio dipende inoltre dall’efficacia della struttura gestionale di riferimento, che definisce le basi e gli assetti organizzativi per progettare, attuare e migliorare in continuo la gestione del rischio, nonché per integrare la stessa all’interno dell’organizzazione.
A tal fine, la norma fornisce indicazioni relative a:

  • l’impegno costante da parte della direzione per l’introduzione di una efficace gestione del rischio e per la relativa definizione di politica e obiettivi;
  • la progettazione della struttura di riferimento per gestire il rischio;
  • la definizione delle responsabilità;
  • l’integrazione della gestione del rischio nei processi organizzativi;
  • l’assegnazione delle risorse;
  • i meccanismi di comunicazione e reporting (interni ed esterni);
  • l’attuazione della gestione del rischio;
  • il monitoraggio, il riesame e il miglioramento continuo della struttura di riferimento.

Il processo di gestione del rischio comprende, come indicato nella norma, un piano per la comunicazione e consultazione degli stakeholder, la definizione del contesto, l’identificazione e l’analisi del rischio, la sua ponderazione, trattamento, monitoraggio e riesame e la registrazione del processo stesso. La UNI ISO 31000 è l’adozione nazionale – in lingua italiana – della norma internazionale elaborata dal comitato tecnico ISO/TMB WG “Risk management”.
A livello nazionale il tema della gestione del rischio è di competenza della Commissione tecnica UNI “Sicurezza della società e del cittadino”, sotto-Commissione “Gestione del rischio”. Per definire invece i termini di base relativi alla gestione del rischio, nel catalogo UNI è presente la norma UNI 11230 “Gestione del rischio – Vocabolario” che costituisce un riferimento generale applicabile a tutte le organizzazioni, al fine di promuovere un approccio coerente per la descrizione della gestione del rischio e l’utilizzo della terminologia pertinente.

Ciò che mi chiedo è: ora che c’è la norma vedremo spuntare nuove proposte di servizi di Risk Management anche da soggetti o società che il risk management l’hanno visto solo sulla carta? E ancora, ora che c’è la norma sarà più facile farsi comprendere dalle Aziende? E infine, cos’ha da dire l’Associazione dei risk manager (ANRA) in merito a questa norma e sui modi per divulgarla alle Aziende private e a quelle pubbliche?

Nuovo direttivo ANRA: cosa cambierà?

Aggiornamento: QUI c’era un’immagine…

Lo scorso 24 marzo si è svolta l’assemblea annuale di ANRA nel corso della quale si è svolta l’elezione del direttivo per il prossimo triennio la cui presidenza è stata affidata al collega risk manager di Telecom, Paolo Rubini.

In attesa di approfondire meglio la composizione del direttivo e di conoscere quale sia il programma che intende portare avanti, dato che, come dice qualche collega, “l’associazione siamo noi“, cioè tutti noi soci, ho lanciato un sondaggio (vedi a lato) affinché ciascun socio ANRA possa esprimere la propria idea della vita associativa.

E allora, dato che l’associazione siamo noi, fatevi sentire cari colleghi, mettete mano al mouse ed esprimete la vostra preferenza.

ANRA 2009-2011: RINNOVO CARICHE CONSIGLIO DIRETTIVO

In merito al tema del rinnovo delle cariche del consiglio di ANRA, ricevo questa lettera dal collega e attuale membro del consiglio direttivo, il risk manager Maurizio Micale, che volentieri pubblico in questo che, come ho detto sin dall’inizio, vuole essere uno spazio a disposizione di chi vuole confrontarsi e proporre idee a beneficio di tutti. Grazie, dunque, a Maurizio.

“Nelle scorse settimane il presidente uscente di ANRA nell’annunciare la convocazione della prossima assemblea generale, prevista per il prossimo 24 marzo a Milano, ha trasmesso contestualmente un modulo per presentare le candidature a consigliere membro del prossimo consiglio direttivo. Infatti, in quella occasione saranno rinnovate tutte le cariche per il prossimo triennio 2009-2011.

Inoltre, il 13 febbraio u.s., il Consiglio Direttivo in carica ha approvato all’unanimità la proposta di ridurre il numero attuale dei consiglieri da 13 a 9 per ragioni di maggiore efficienza e efficacia riguardo alla gestione strategica e operativa. A differenza di quanto avvenuto fino ad oggi, i nuovi consiglieri eletti riceveranno deleghe specifiche da parte del nuovo presidente – che sarà eletto dal nuovo consiglio direttivo – relativamente alla gestione dell’associazione. Ovviamente tale proposta sarà sottoposta all’approvazione dell’assemblea lo stesso giorno.

Come consigliere uscente e dopo la mia prima esperienza, mi sento di incoraggiare e invitare chiunque – socio con diritto di voto e in regola con la quota associativa 2009, ovvero che non ha inviato comunicazione di disdetta – abbia un positivo interesse ad animare e partecipare alle attività dell’associazione a presentare la propria candidatura come futuro membro del prossimo comitato direttivo. Inoltre, qualora sia approvata la riduzione a 9 dei membri del consiglio direttivo, tutte le candidature potrebbero essere interessanti per poter costituire i comitati tecnici focalizzati su tematiche di interesse specifico come il risk management, la mappatura dei rischi, dei rami assicurativi commerciali, la supply-chain, la business continuity, ecc., al fine di fornire un supporto tecnico competente e più diffuso.

La nostra associazione nel prossimo triennio ha sicuramente bisogno di rinnovare la propria vitalità e di mobilitare sul piano nazionale le migliori competenze, professionalità ed energie per migliorare e sviluppare ulteriormente i servizi attualmente resi, ma soprattutto per proporne di nuovi e innovare il sistema del nostro associazionismo creando nuove e positive occasioni di scambio anche attraverso i mezzi offerti dalla rete e la comunicazione peer-to-peer. Solo attraverso un innovativo, efficiente ed efficace sistema di associazionismo si potrà da un lato ampliare la base dei soci, attirando nuove professionalità e competenze, e dall’altro migliorare efficientemente i costi della gestione operativa liberando così nuove risorse per meglio rispondere alle esigenze e alle richieste dei soci.

Allora, vi invito personalmente a partecipare, più numerosi del solito, all’assemblea generale del prossimo 24 marzo e a non esitare a presentare la vostra spontanea candidatura attraverso il modulo , in allegato, da trasmettere a “anra@betam.it“ e “info@anra.it“ entro il 17 marzo p.v.

Cordialmente,
Maurizio Micale

Convegno ANRA: perché non ci sarò!

Mentre scrivo, a Milano si sta svolgendo il Convegno nazionale organizzato dall’ANRA, la mia associazione, dal titolo “Rischi d’Italia, l’Italia s’è persa?“

Io, invece, ho deciso di non andarci per una serie di motivi, tra i quali ci metto il fatto che ritengo tali convegni poco utili (o forse utili a pochi), soprattutto per il modo in cui oggi sono pensati ed organizzati e cioè senza alcuna partecipazione della “base“ dei soci i quali, essendo soci che pagano una quota annua (tra l’altro si paga anche per andare al convegno mentre dovrebbe essere gratuito), avranno pur il diritto di esprimere un proprio parere!

Un altro motivo è dato dal fatto che ogni volta che me ne sono tornato a casa da questi convegni, mi sono chiesto che cosa avevo imparato di nuovo e cosa avrei potuto mettere a frutto nel mio lavoro quotidiano, perché dovranno pur servire a qualcosa queste occasioni, altrimenti perché si organizzano? Mica sarà una vetrina per qualche risk manager blasonato o per qualche invitato.

Fin’ora, però, la mia sensazione (e purtroppo è più di una sensazione), è che simili occasioni servano più per parlarsi addosso piuttosto che per un’utilità e momento di confronto fattivo tra soci quale, invece, dovrebbe essere e allora scusate, ma alle chiacchere fine a sé stesse, ho preferito restare qui nel mio Friuli, a lavorare, con buona pace degli organizzatori e di tutti i partecipanti ai quali, comunque, auguro una buona giornata, sperando che domani vengano a dirmi che ho perso una grande occasione.

E tu che hai avuto la pazienza di leggermi o che ti sei recato al convegno, cosa pensi?

Vedere il rischio a 360 gradi

E’ il titolo di un articolo che “Srl“ rivista del quotidiano finanziario Italia Oggi dedicò, nell’oramai lontano 1995, all’attività dei risk manager e, in particolare, a quella dei primi free lances tra i quali c’ero anch’io, dato che iniziai questa professione nel 1994 dopo una decina d’anni passati nel settore dell’intermediazione assicurativa.

Ricordo, seppur brevemente, che nel 1994 potevano associarsi ad ANRA solo i risk manager che lavoravano alle dipendenze di aziende, e quindi, per la prima volta, si pose la questione di aprire l’associazione anche ai risk manager non dipendenti di aziende e di tale necessità si accorse l’allora presidente di ANRA, Loreno Bardelli.

In quell’articolo, il cui sottotitolo era “Risk manager o Broker?“, il giornalista, su segnalazione di ANRA, mi contattò per una breve intervista dal titolo “Da Broker a Risk manager: per servire l’Impresa” la quale venne collegata a due esempi di gestione del rischio (tratti dalle esperienze che già avevo avuto modo di fare nelle aziende per le quali avevo iniziato ad operare), una dal titolo “Non mandate l’utile in fumo“ e l’altra “Attenzione al rischio occhiali“.

Ho ritenuto che fosse interessante rendere noto questo articolo soprattutto per riproporre quello che era il mio pensiero e che mi guida tutt’ora nella scelta di voler portare avanti questa professione pur non senza difficoltà, dovute in particolare al sintomatico ritardo con cui sia il settore privato che quello pubblico stanno approcciando a metodologie di gestione dei rischi che non siano solo quelle della intermediazione assicurativa.

Comunque, non voglio farla lunga e, se vorrai, potrai leggere questo documento all’interno della pagina che ho denominato “Dicono di me“, nella colonna di destra.

Come sempre, mi farà piacere ricevere le tue critiche.

Assemblea ANRA e seminario sulla RC datoriale

Lo scorso 13 marzo si è tenuta a Milano la consueta Assemblea annuale dell’ANRA e, nel pomeriggio, il seminario tenuto dal dott. Luigi Tassone dell’area Corporate delle Assicurazioni Generali sul tema “Sicurezza sul lavoro e responsabilità datoriale: quali coperture assicurative?”

In questo caso, per RC datoriale è da intendersi la Responsabilità civile verso Terzi e verso Prestatori di lavoro e non quella delle condizioni di cui alla polizza AIG, della quale ho invece già parlato nel post dello scorso 22 febbraio.

Oggetto della presentazione è stata la spiegazione della Legge 123/2007, che ha modificato il D.Lgs. 626/94, e i risvolti di questa nel D.Lgs. 231/2001 e l’analisi degli articoli del nuovo Testo Unico (sul tema vedi questo interessante post).
Una conferma che i risk manager dovrebbero occuparsi di questi temi e, per quanto mi riguarda, me ne occupo quotidianamente.

Come dico sempre, l’importante è condividere la conoscenza ed è quindi in quest’ottica che le slide della presentazione consegnatami dallo stesso Tassone, le potrai trovare nella colonna di destra alla voce “Slideshare”

Nota curiosa sulla percezione del rischio:
tornando verso la metro, sono passato davanti ad un negozio dove stava bruciando un cestino, probabilmente a causa di un mozzicone di sigaretta buttato dove non doveva essere buttato. Si stava formando del fumo denso e nessuno interveniva. Ad un certo punto, è arrivato un cameriere con dell’acqua che ha spento il focolaio. Poi l’acqua è colata dal cestino ed ha formato una larga chiazza sul pavimento. Nessuno ha posto un segnale di avvertimento di pavimento bagnato per le persone che transitavano lì davanti le quali, non vedendo la chiazza d’acqua che si confondeva con il pavimento lucido, rischiavano di cadere ad ogni passo. A quel punto, ho avvisato del rischio la persona del negozio pregandola di intervenrie poichè, fino a quel momento, era rimasta assolutamente passiva. Credo che il problema sia questo, la bassa attenzione ai pericoli che però è dovuta ad una nostra mancanza di formazione culturale. Non si spiegherebbe altrimenti il fenomeno delle migliaia di persone che ogni anno, in Italia, rimangono vittime di incidenti… domestici o legati allo svolgimento della vita privata. E quindi chiediamoci: “noi che atteggiamento abbiamo verso le nostre azioni quotidiane? Diamo l’esempio parlandone con gli altri? Anche questo, per me, vuol dire fare il risk manager.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: