Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Archivio per giugno, 2015

Travel Risk Management

tempo-crono

Ho recentemente partecipato ad un interessante incontro sul tema dei rischi dei lavoratori in missione e delle misure di tutela.

Ovviamente, prima di pensare alle polizze è opportuno trattare il tema sempre in ottica di Risk Management e quindi, se ci troviamo in un’azienda che manda il suo personale in missione, potremo iniziare con il chiederci:

  • Siamo preparati per un’emergenza?
  • Siamo in grado di monitorare la rischiosità dei Paesi?
  • I nostri dipendenti sono protetti?
  • Sappiamo esattamente dove si trovano i nostri dipendenti?
  • Siamo capaci di gestire un evento importante?
  • Siamo protetti in caso di qualsiasi tipo di contenzioso?

Ricordo che le aziende hanno un “dovere di diligenza“ (Duty of Care) anche nei confronti del personale viaggiante e quindi bisogna mettere in atto una sorta di “programma di sicurezza per il viaggio“ che preveda la predisposizione di apposite procedure pre e durante la trasferta, anche per non incorrere in responsabilità per non aver fornito la necessaria informazione e formazione al personale e pensato a piani per la loro tutela (e questo ci riporta anche a quanto prevede il D.Lgs. 81/2008 e smi).

Oltre ad alcuni strumenti proposti da società di consulenza, possiamo intanto ricorrere ad alcuni servizi gestiti dalla Farnesina (il nostro Ministero degli Esteri) che mette in rete le informazioni per quando si prevede un viaggio all’estero:

Viaggiare sicuri: per avere qualche notizia preventiva sullo stato dei rischi del paese presso il quale si recherà il personale.
Dove siamo nel Mondo: per poterci registrare in modo che, in caso di emergenza, la Farnesina sappia quanti italiani si trovano all’estero e dove in modo da poter organizzare gli eventuali soccorsi.
Il Ministero della Salute, invece, ha sviluppato l’APP di consultazione sull’assistenza sanitaria all’estero “Se parto per…“, grazie alla quale è possibile:
  • reperire informazioni sull’assistenza sanitaria durante un soggiorno o la residenza all’estero (come ottenere assistenza, a chi rivolgersi e come richiedere eventuali rimborsi);
  • consultare la Directory pubblica contenente tutte le istituzioni europee coinvolte nell’erogazione dei servizi di sicurezza sociale (non solo per l’assistenza sanitaria) realizzata da EESSI;
  • consultare direttamente la normativa comunitaria e italiana attualmente vigente, tutto direttamente dal tuo dispositivo mobile, ovunque ti trovi e con la possibilità di salvare le tue ricerche.

Si possono fare anche altre cose, ma dato che il mio obiettivo è quello di sollecitare una riflessione sul tema, concludo dicendo che, dopo l’aspetto di prevenzione, possiamo valutare una qualche forma di tutela assicurativa per gli inconvenienti legati al viaggio (ricoveri per malore o infortunio, rientro anticipato, perdite bagagli, ecc.).

In ogni caso, il tema del “rischio legato al viaggio“ deve essere attentamente valutato anche per dimostrare che ci abbiamo pensato e lo abbiamo gestito.

Buon “Travel Risk Management“ a tutti.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: