Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Archivio per febbraio, 2011

Caduta satelliti: è davvero un rischio così remoto?

Leggo qui che alcuni pezzi di un satellite tedesco fuori controllo potrebbero arrivare fino al suolo. Quando si parla del rischio “caduta satelliti“ e “corpi celesti“ si pensa sempre che questi siano eventi remoti se non improbabili, ma che in questi anni a venire, proprio per l’aumento del “traffico satellitare“, potrebbero rappresentare una minaccia più reale di quanto non siamo stati portati a pensare fino d’ora.

C’è timore, si legge nell’articolo, per il satellite tedesco «Rosat» che attualmente ondeggia in un volo incontrollato attraverso lo spazio, ma che precipiterà entro l’anno. Le ultime analisi riferiscono che entrerà nell’atmosfera terrestre fra qualche mese. Il momento fatidico è previsto tra ottobre e dicembre. Nella peggiore delle ipotesi, spiegano i ricercatori, i resti potrebbero cadere sul suolo con «conseguenze immense».

Come rivela Der Spiegel nella sua edizione online, il veicolo spaziale «Rosat», dal peso di 2,4 tonnellate, entrerà nell’atmosfera nel lasso di tempo di 80 giorni tra ottobre e dicembre. Nella migliore delle ipotesi brucerà al rientro o cadrà in mare. Esiste, tuttavia, il rischio che alcuni pezzi possano cadere fino al suolo.

Degli eventuali danni sono responsabili sia il Paese proprietario del satellite sia quello che lo ha lanciato: in questo caso la Germania. Rosat era stato lanciato dalla Florida nel giugno del 1990. Da qualche tempo è fuori controllo ma viene monitorato da terra con sistemi radar. In questo momento Rosat si trova in un’orbita distante 500 chilometri dalla Terra.

E allora chiedo a me stesso e al lettore: quali potrebbero essere le azioni di Risk Management da mettere in atto per evitare o ridurre al minimo il verificarsi di una tale possibilità?

Annunci

Gestione del rischio: pubblicata la UNI ISO 31000:2010

Stampa
gestione_rischio 

L’introduzione alla nuova norma UNI ISO 31000:2010 riporta: “Le organizzazioni di tutti i tipi e dimensioni si trovano ad affrontare fattori ed influenze interni ed esterni che rendono incerto il raggiungimento dei propri obiettivi. Il rischio è l’effetto che questa incertezza ha sugli obiettivi dell’organizzazione.”

Tutte le attività di un’organizzazione comportano dei rischi: la loro gestione può essere applicata in qualsiasi momento a un’intera organizzazione, alle sue numerose aree e livelli, così come alle specifiche funzioni, progetti e attività. Applicabile a qualunque tipo di rischio, la UNI ISO 31000 “Gestione del rischio – Principi e linee guida” può essere utilizzata da imprese pubbliche, private o sociali, associazioni, gruppi o individui e, pertanto, non è specifica per alcuna industria o settore. Per far sì che la gestione del rischio sia efficace, un’organizzazione dovrebbe, a tutti i livelli, seguire gli 11 principi riportati nella norma; il successo della gestione del rischio dipende inoltre dall’efficacia della struttura gestionale di riferimento, che definisce le basi e gli assetti organizzativi per progettare, attuare e migliorare in continuo la gestione del rischio, nonché per integrare la stessa all’interno dell’organizzazione.
A tal fine, la norma fornisce indicazioni relative a:

  • l’impegno costante da parte della direzione per l’introduzione di una efficace gestione del rischio e per la relativa definizione di politica e obiettivi;
  • la progettazione della struttura di riferimento per gestire il rischio;
  • la definizione delle responsabilità;
  • l’integrazione della gestione del rischio nei processi organizzativi;
  • l’assegnazione delle risorse;
  • i meccanismi di comunicazione e reporting (interni ed esterni);
  • l’attuazione della gestione del rischio;
  • il monitoraggio, il riesame e il miglioramento continuo della struttura di riferimento.

Il processo di gestione del rischio comprende, come indicato nella norma, un piano per la comunicazione e consultazione degli stakeholder, la definizione del contesto, l’identificazione e l’analisi del rischio, la sua ponderazione, trattamento, monitoraggio e riesame e la registrazione del processo stesso. La UNI ISO 31000 è l’adozione nazionale – in lingua italiana – della norma internazionale elaborata dal comitato tecnico ISO/TMB WG “Risk management”.
A livello nazionale il tema della gestione del rischio è di competenza della Commissione tecnica UNI “Sicurezza della società e del cittadino”, sotto-Commissione “Gestione del rischio”. Per definire invece i termini di base relativi alla gestione del rischio, nel catalogo UNI è presente la norma UNI 11230 “Gestione del rischio – Vocabolario” che costituisce un riferimento generale applicabile a tutte le organizzazioni, al fine di promuovere un approccio coerente per la descrizione della gestione del rischio e l’utilizzo della terminologia pertinente.

Ciò che mi chiedo è: ora che c’è la norma vedremo spuntare nuove proposte di servizi di Risk Management anche da soggetti o società che il risk management l’hanno visto solo sulla carta? E ancora, ora che c’è la norma sarà più facile farsi comprendere dalle Aziende? E infine, cos’ha da dire l’Associazione dei risk manager (ANRA) in merito a questa norma e sui modi per divulgarla alle Aziende private e a quelle pubbliche?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: