Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Lavori a caldo: incendio alla Marzotto filati

Da “Il Gazzettino“ online di ieri leggo che un incendio ha interessato nel pomeriggio del 24 novembre uno dei capannoni della Marzotto Filati a Fossalta di Portogruaro (Venezia). Le fiamme, che hanno sprigionato moltissimo fumo, erano circoscritte ad una tubatura che “risucchia” gli scarti della filatura. L’area è stata evacuata e le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco in meno di un’ora. Da un primo esame pare che l’incendio si sia sviluppato in una zona dove due operai stavano lavorando con la fiamma ossidrica. Una scintilla avrebbe attecchito polveri di lino, da cui poi si sarebbero sprigionate le fiamme. Nel capannone erano in corso lavori di ripristino e l’attività era quindi ferma. I danni ammontano a qualche centinaio di migliaia di euro.

Ancora una volta, quindi, pare che la causa del sinistro sia da attribuire all’inosservanza del rispetto delle regole per i lavori a caldo all’interno dei reparti, un aspetto troppo spesso trascurato sia dall’azienda committente che dalle imprese esterne chiamate ad eseguire i lavori le quali poi, non sono spesso nemmeno adeguatamente assicurate per questo tipo di responsabilità, mentre la verifica delle coperture assicurative (aspetto di Risk Management per il committente) dovrebbe essere sempre inserita nei contratti per i lavori in appalto, ma anche qui c’è ancora molto da fare!

Annunci

4 commenti»

  Marta Barbieri wrote @

la Marzotto non è nuova a tale tipologia di sinistro. circa 3 anni fa uno stabilimento tunisino del gruppo è stato coinvolto da un grave incendio con origini simili (scintilla partita durante lavori di manutenzione).
insomma, tali eventi non sono una novità per il gruppo in questione…

Mi piace

  Mauro A. Del Pup wrote @

Sorprende che aziende di tali dimensioni siano così deboli sotto l’aspetto della gestione dei rischi, una gestione che arrivi anche a controllare gli appaltatori esterni che sappiamo essere una fonte di rischio elevata (sarebbe già sufficiente iniziare ad applicare quanto è previsto dall’art. 26 – Obblighi connessi ai contratti d’appalto o d’opera o di somministrazione, del D.Lgs.81/2008 sulla sicurezza dei luoghi di lavoro).

Mi piace

[…] volte l’abbiamo sentito ripetere (ne parlai anche in un mio recente post) da assicuratori, periti e colleghi che i lavori a caldo o con l’uso di fiamme sono molto […]

Mi piace

[…] volte l’abbiamo sentito ripetere (ne parlai anche in un mio recente post) da assicuratori, periti e colleghi che i lavori a caldo o con l’uso di fiamme sono molto […]

Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: