Risk Management – Il primo blog in Italia sui temi del Risk Management.

"Arriva sempre un momento in cui non c’è altro da fare che rischiare” (José Saramago)

Archivio per ottobre, 2010

Le macchine e il prodotto sicuro

Segnalo che Martedì 9 novembre 2010, ore 14.30 – 18.30 presso la Sala Convegni dell’Unione Industriali Pordenone, si terrà il primo di due incontri sul tema di come si “Costruiscono e acquistano le macchine a norma“ dal titolo: “LE MACCHINE E IL PRODOTTO SICURO”

I relatori di questo primo incontro saranno:

– l’Ing. Ugo Fonzar – Consulente Sicurezza Macchine
Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE e il recepimento italiano D.Lgs. 17/2010 – Le principali novità introdotte rispetto alla precedente Direttiva Macchine 98/37/CE – DPR 459/96 La nuova definizione di macchina e le quasi-macchine. L’iter CE – la marcatura CE – le novità sulla dichiarazione CE di conformità – il manuale delle istruzioni per l’uso. Le novità sui requisiti essenziali di sicurezza. Le nuove sanzioni amministrative e quelle penali. La responsabilità amministrativa dell’impresa – l’art. 517 c.p. e la sua rilevanza ex D.Lgs. 231/01 (cenni). La responsabilità del produttore da prodotto difettoso (cenni).

– Mauro A. Del Pup – Risk Manager
Il risk management del prodotto sicuro. – La responsabilità del produttore da prodotto difettoso. Le forme di tutela aziendale. Le assicurazioni RC Prodotti e da fornitura. Il mercato USA, Canada e Messico e il resto del Mondo.

Il mio obiettivo, dunque, sarà quello di affrontare il tema di come si dovrebbe gestire il rischio R.C. Prodotti anche a prescindere dalla polizza di assicurazioni e di dare qualche indicazione sul mercato USA e Canada.
Gli argomenti per il tempo a mia disposizione sono tanti e allora mi sento di dire: “Io, speriamo che me la cavo“.

Annunci

ANIA: Pmi, non tutti i rischi sono coperti

La partecipazione al convegno Assicurazione e accesso al credito per le piccole e medie imprese organizzato da Assicurazioni Generali e Unindustria Treviso lo scorso 15 ottobre presso la Direzione per l’Italia delle Generali a Mogliano Veneto (foto), in occasione del quale il Group-ceo, Giovanni Perissinotto, ha presentato il progetto “Zoom-Pmi” – per facilitare l’analisi dei rischi ed il check up delle esigenze assicurative proprio delle PMI (del quale dirò meglio in seguito così come anche delle riflessioni emerse in quella giornata), mi offre l’occasione per postare queste poche righe che avevo preparato nei primi mesi del 2010 quando mi era capitato tra le mani lo studio dell’ANIA curato da Luigi Guiso su Assicurazioni e PMI, condotto tra il 2008 e il 2009 su un campione di 2295 imprese italiane con meno di 250 addetti, dalla lettura del quale si apprende che non tutti i rischi sono coperti e che il 14% delle imprese è privo di un’assicurazione contro il rischio di incendio, mentre altre rivelano che alcune coperture non gli sono mai state proposte e, quindi, che ne ignorano l’esistenza.

E ancora l’indagine mette in evidenza che:

  1. il 33% è privo di assicurazione verso terzi e i dipendenti (il 42% per le imprese con meno di 15 addetti);
  2. il 90% è privo di assicurazione contro rischi ambientali.

Nel complesso, la maggior parte delle piccole imprese è assicurata per non più di tre rischi e solo il 14% contro più di cinque rischi.

Credo ciò dipenda anche dal fatto che, se l’assicuratore o meglio l’intermediario assicurativo non conosce i rischi dell’impresa, la sua realtà, ciò che avviene all’interno e all’esterno di essa, non può nemmeno proporre soluzioni assicurative. Il mercato spesso si “inventa le coperture“ mentre bisognerebbe entrare all’interno dell’impresa per capirne le sue dinamiche, intercettarne i bisogni e proporre soluzioni assicurative adeguate quando non innovative, per un mondo che è cambiato profondamente dove oggi più che agli asset materiali è importante guardare a quelli di natura immateriale.

Inoltre, la mia personale opinione in tanti anni di attività a contatto con il mondo assicurativo è che ci sia una avversione verso la soluzione assicurativa dato che questa appare di difficile comprensione per l’assicurato: qui le compagnie avrebbero un ruolo importante di semplificazione del linguaggio (detto volgarmente “l’assicurese“) mirando ad avvicinare due mondi, quello dell’assicurato e quello dell’assicuratore, troppo spesso distanti.

Lo studio evidenzia poi che le imprese che hanno una maggiore copertura assicurativa ottengono dalle banche tassi più bassi, dichiarano di essere razionate con una minore probabilità e riescono ad ottenere credito da un numero maggiore di banche. I risultati della ricerca suggeriscono che un sistematico utilizzo nei modelli interni delle banche dell’informazione sulle coperture assicurative delle imprese potrebbe portare a una migliore valutazione del loro merito creditizio (a proposito, che fine ha fatto Basilea 2?) aspetto che però, anche nella mia esperienza, è ancora di là da venire dato che purtroppo non mi è mai capitato che una banca venisse a chiedere informazioni sulle politiche di gestione dei rischi dell’azienda alla quale doveva erogare il credito, mentre credo fermamente che questa sia una strada da perseguire con convinzione da tutti gli attori.

In tutto questo, sono altrettanto convinto che il ruolo del risk manager funga anche da “facilitatore linguistico“ tra questi mondi quello industriale da una parte e quello assicurativo e bancario dall’altro.

Chi vuole dire qualcosa al riguardo?

Generali assicurazioni sbarca sull’iPhone con iPolizza

L’anno scorso avevo scritto della compagnia assicurativa Nationwide che, per prima (almeno a quanto mi constava), aveva lanciato un’interessante applicazione per iPhone legata alla gestione della denuncia di un sinistro auto, denuncia che poteva essere fatta dal luogo dell’incidente utilizzando appunto l’iPhone.

Mi chiedevo quando avremmo potuto vedere un’applicazione simile nel mercato assicurativo italiano ed ora posso dire che finalmente ci siamo e la strada è aperta anche per gli altri competitor.

E,’ dunque, con piacere che registro la nascita di questa app per iPhone denominata iPolizza delle Assicurazioni Generali (dedicata ai clienti delle reti di Assicurazioni Generali, Alleanza, Augusta Assicurazioni, Fata Assicurazioni, INA Assitalia, Lloyd Italico, e Toro, con la quale è possibile denunciare un sinistro in real time ed individuare la carrozzeria convenzionata o l’agenzia più vicina) e che segue, di poco, l’app creata da Genertel (non a caso, forse, dato che è una società controllata sempre da Generali).

Ora, come dicevo, la strada è segnata e si aspetta di vedere cosa farà il resto del mercato assicurativo e non solo.

231 e modelli organizzativi: quale ruolo per il risk manager?

E’ da un pò di tempo che ho aperto qui uno spazio dedicato al tema del D.Lgs. 231/2001 e del modello organizzativo da esso previsto.

Ora, dato che lo schema della 231 ci rimanda al metodo di Risk Management, mi chiedevo quale ruolo potessero avere i risk manager, visto che di tale tema se ne stanno occupando tanti soggetti (certificatori, consulenti in ambito della sicurezza del lavoro, legali, auditors, ecc.), tutti, mi pare, tranne che i risk manager i quali, a mio avviso, dovrebbero invece essere maggiormente coinvolti ed anzi, proporre loro stessi l’adozione e la stesura di modelli organizzativi all’interno delle aziende nelle quali operano e delle quali conoscono bene i rischi. Mi pare, però, che i risk manager non se ne facciano un giusto carico (se ne parla poco) e “rischino“, così, di farsi gestire dal rischio invece che di gestire il rischio con un ulteriore isolamento professionale e lo spossessamento di competenze che stanno in capo a loro a vantaggio di altri soggetti indubbiamente più attivi.

Qualche collega vuole portare un contributo alla discussione?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: